Home/Cultura/Monselice scrive: Tasinato
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Per la rassegna “Monselice Scrive: una città, i suoi libri, i suoi scrittori” Sabato 4 Marzo 2017 alle ore 16 presso il Palazzo della Loggetta Andrea Augusto Tasinato presenta Anima infetta Monselice, Herkules Books 2016. Presenta Paola Goisis

Trama

Filiberto de Bellis è un ragazzo incline al lavoro, professionalmente preparato, scaltro e istintivo, oltre ad essere ricchissimo. Sfruttando l’intuito e una malizia ereditata per via materna, impara velocemente le dinamiche del mercato nel settore della sicurezza informatica. Carlos, il suo principale cliente, è uno degli uomini più influenti del mondo. La vicinanza a quest’uomo senza scrupoli permette a Filiberto di toccare con mano le sfaccettature più oscure del business delle case farmaceutiche, le quali prima costruiscono i virus, poi li diffondono tra la gente ed infine immettono sul mercato i relativi vaccini. Un virus manipolato, di nome Kali, alimenta il profitto della morte. L’intreccio tra il fanatismo islamico rappresentato dai Jihadisti e la Dea della Morte, ideatrice di Kali, spezzerà la vita di tantissimi innocenti. Filiberto scopre colei che si nasconde dietro la famigerata “Dea della Morte”. Greta, giovane ed affascinante ricercatrice, un tempo amante di Carlos, riuscirà a formulare l’antidoto in grado di annientare Kali. Non fidandosi più di nessuno, Filiberto e Greta cercano un partner al quale rivolgersi per poter sviluppare tale scoperta e proteggersi dagli uomini dell’Isis che vogliono ucciderli. Don Mauro, mafioso vecchio stampo, amico di famiglia di Filiberto, tende una mano ai due non certo per amore paterno ma per aver fiutato un affare milionario. Li fa volare a Bogotà. I sicari dell’Isis preparano e sferrano un attacco dinamitardo alla casa farmaceutica Macfreys dove Greta e Filiberto stanno lavorando per la formulazione del vaccino. I due riusciranno a salvarsi? Kali verrà debellata definitivamente? Chi saranno i vincitori e i vinti di questa rocambolesca spy story?

L’autore

Andrea Augusto Tasinato è nato nel 1968 a Monselice, dove risiede. Da anni coltiva la passione per la scrittura e per la letteratura privilegiando il romanzo con l’analisi introspettiva dei suoi personaggi resa possibile anche attraverso un continuo confronto con medici e psicologi. Ha già pubblicato: Desiderio nascosto (2007), Gli Spiriti dell’amore (2009)  e L’inganno del cuore (2013).

Calendario Appuntamenti  “Monselice Scrive:una città, i suoi libri, i suoi scrittori”

Sabato 14 gennaio 2017 – ore 18 – Loggetta
Mi piace camminare sui tetti di Marco Franzoso, Rizzoli 2016.
Sabato 21 gennaio 2017 – ore 16 – Loggetta
Prima che arrivi l’inverno di Gianni Ruzzante, Europa edizioni 2016. Presenta Riccardo Ghidotti.

Sabato 28 gennaio 2017 – 0re 18 – Loggetta
La solitudine dell’assassino di Andrea Molesini, Rizzoli 2016. Dialoga con lui il giornalista del Gazzettino Marcello Bardini

Domenica 29 gennaio 2017 – ore 10.30 – Loggetta
L’ultimo sogno: quasi un romanzo di Gianni Bellinetti, Editreg 2014. Presenta Franca Grosso con alcune letture.

Sabato 4 febbraio 2017 – ore 16 – Loggetta
Caporetto storia di una disfatta di Patrizio Cazzaro, Nuova Phromos 2017. Con DVD allegato. Presenta Riccardo Ghidotti.

Sabato 11 febbraio – ore 16 – Loggetta
Gli ebrei a Monselice: tessere ricolorite di un mosaico incompleto di Roberto Valandro, Monselice 2016. Presenta l’autore.

Sabato 18 febbraio – ore 16 – Loggetta
Sbaragliate dalla Barbie. Splendore e decadenza delle bambole di Monselice in “Terra e Storia” n.9 (2016) Cierre Edizioni. Presenta Francesco Selmin

Sabato 25 febbraio – ore 16 – Loggetta
Resio Veronese. Per un diario a Memoria. Versi e immagini. Presentano e commentano Lucio Merlin e Roberto Valandro

Sabato 4 Marzo – 0re 16 – Loggetta
Anima infetta di Andrea Augusto Tasinato. Monselice, Herkules Books 2016. Presenta Paola Goisis

Sabato 11 Marzo – 0re 16
Dalle Tesi di laurea alcune proposte per potenziare l’offerta turistica monselicense. Relatrici Angelica Bassan e Francesca Spagna. Presenta Riccardo Ghidotti

Torna in cima