Home/covegni, Cultura/MONSELICE ROMANA: SCOPERTA L’ANTICA STRADA CHE COLLEGAVA ESTE CON MONSELICE
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Sabato 16 marzo 2019 alle ore 17.00 presso il Palazzo della Loggetta, Cinzia Tagliaferro e Cristina Zamboni relazioneranno sulla recente scoperta di un’antica strada romana che collegava Este con Monselice.

Il contributo recentemente realizzato assieme alla prof.ssa Giovanna Gambacurta per il volume in onore del prof. Guido Rosada prende spunto da una recente rilevazione e rielaborazione di foto aeree che hanno permesso un aggiornamento sulle conoscenze della rete itineraria che collegava Este con Monselice in epoca preromana e romana. Si prefigurava così l’occasione di riprendere l’articolata e annosa questione relativa alle strade consolari che attraversavano l’agro atestino ripercorrendo antiche piste tracciate dai Veneti antichi e che, provenendo da ovest e da sud, trovavano nella zona di Monselice uno snodo strategico per il collegamento con centri importanti come Este, il comprensorio termale e Padova e i loro rispettivi agri. Il tutto in un territorio dalla geomorfologia assai complessa e fortemente caratterizzata, allora, dalla presenza del fiume Adige.

CINZIA TAGLIAFERRO: è laureata in Lettere Classiche presso l’Università degli Studi di Padova. Collaboratrice della Soprintendenza Archeologica per il Veneto, ha partecipato a campagne di scavo in siti protostorici e romani, all’allestimento di mostre di argomento archeologico e sale espositive museali. Collabora da anni alle varie manifestazioni del Museo Nazionale Atestino di Este e della Soprintendenza del Veneto per i quali organizza, progetta e svolge numerose e varie attività didattiche.

CRISTINA ZAMBONI: laureata in Scienze Geologiche presso l’Università degli Studi di Padova è geologo libero professionista nel campo di tematiche territoriali con analisi da telerilevamento. Ha svolto attività di ricerca in ambito ambientale ed archeologico presso laboratori delle Università di Padova e di Torino e del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Padova e di Roma.

Torna in cima