Home/Cultura/MONSELICE INCONTRA – GIULIANO MENALDO
Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Per la rassegna letteraria “Monselice Incontra” sabato 24 marzo alle ore 17:00 presso il Palazzo della Loggetta si terrà l’incontro gratuito con lo scrittore Giuliano Menaldo autore del libro “Il posto delle acque morte”.

TRAMA:

Nell’età del Romanticismo si era diffuso il modello del romanzo storico sviluppato attraverso le vicende di tre generazioni. Qui, nel sontuoso trittico di Giuliano Menaldo, il respiro s’amplia fino a coinvolgere due secoli, dalla metà del seicento alla metà circa dell’ottocento, quando in Venezia era cominciato da tempo il declino di una millenaria epopea. Il punto di vista dell’autore muove dalla minuscola storia di un piccolo luogo dei Colli Euganei, Vo’ Vecchio, dominato da stagni e vaste paludi, le ‘acque morte’, e segue passo passo il suo incredibile evolversi grazie alla famiglia patrizia dei Contarini. Sull’appartata scena compaiono via via gli abitanti accanto ai personaggi dell’epoca, uomini e donne che da Venezia colloquiavano con l’Europa intera, svelando costumi, mentalità, vizi e opere che, alla fine, si riflettevano nel chiuso universo rurale euganeo. Le pagine, scritte con l’eleganza di uno stile narrativo ormai maturo, si nutrono di fantasia tanto quanto sono basate su uno straordinario scavo archivistico, regalandoci l’avvincente affresco di un mondo che ci ha donato la rinnovata geografia fisica della “Padovanabassa” impreziosita da una regale corona di ville veneziane.

L’AUTORE:

Giuliano Menaldo nasce nel 1948 a Vo’ Euganeo. Frequenta le scuole primarie a Vo’ Vecchio in Villa Venier-Contarini, seguendo poi la formazione classica. Si iscrive a Medicina e Chirurgia all’Università di Padova, dove si laurea. Specialista in Chirurgia generale e in Otorinolaringoiatria e Chirurgia cervico-facciale, segue la carriera ospedaliera fino a conseguire, ancora quarantenne, le funzioni di primario di Otorinolaringoiatria e di Direttore di Dipartimento chirurgico. L’accompagna fin da ragazzo la passione per la scrittura. È del 2013 il suo primo romanzo dedicato alla gente dei Colli Euganei: Malaterra.

Torna in cima